LA SINDROME DELLA SCHIENA CARDIACASindrome Schiena Cardiaca


È una sindrome scoperta tanti anni fa dal Dr. Carl Ferreri (Chiroprata) inventore del metodo Neural Organization Technique (N.O.T.)

È un indicatore di una rottura precoce della capacità del corpo di far fronte a condizioni di stress prolungato e può essere trovato in chiunque, a qualsiasi età, compresi i bambini.
Si presenta più spesso negli uomini sopra i 40 anni.

I segni strutturali di solito sono un
1. Fissazione Occipitale
2. Sublussazione Atlante Anteriore - oppure Sublussazione Atlanto Occipitale
3. Fissazione della base sacrale posteriore, con un dolore o dolore di tipo bruciante cronico attraverso la base sacrale.

I segni fisici che avverte la persona sono

a) Difficoltà a rimanere eretti con una curva sacro lombare adeguata

b) Difficoltà o impossibilità ad inarcare la schiena

c) Tendono a stare inclinati leggermente in avanti rispetto al centro a causa della fissazione della Base Sacrale e l'indebolimento dei muscoli Gastrocnemi che erano ipertonici ma che poi hanno ceduto per il troppo lavoro.

d) La parte bassa della schiena è rigida e manca della sua curva fisiologica

e) Ha un dolore costante che attraversa la base del Sacro.

f) Ginocchia leggermente flesse e quindi non sta sulle sue gambe [ossa], ma piuttosto, sta sui muscoli delle gambe [Quadricipite] che poi diventeranno ipertonici e accorciati e si stancano con facilità. Ecc..

Stadi di sviluppo della Sindrome della Schiena Cardiaca

1) L’inizio è uno stress di natura emotiva

          (un dolore emotivo che coinvolge il cuore).

           a) Nella Kinesiologia Specializzata un primo muscolo legato allo stress è il Pettorale Sezione Clavicolare legato con il Merdiano dello Stomaco.

           b) Anche il Piccolo Pettorale va in ipertonicità causando una difficoltà nello smaltimento del sistema linfatico

           c) Dopo un po’ di tempo, se lo stress non passa, la continua tensione dei muscoli Pettorali nell’area superiore del torace crea                  una compensazione da parte del corpo che “spinge” il torace posteriormente.

          - La persona inizierà ad accusare piccole tensioni sull’area dorsale o   difficoltà nella mobilità delle scapole.

          - I’area cervicale inizia ad andare in leggera iperestensione causando una ipertonicità dei muscoli estensori ed una inibizione               dei muscoli flessori. (Fissazione Occipitale).

.

 

Da Fondamenti della NOT 28-29 Settembre a Conegliano (TV)

Clicca QUI per il programma completo e prezzo