Un’altra fantastica tecnica di kinesiologia è l’Hyperton-X di Frank Mahony.

Quando ero ancora un pivello della kinesiologia ebbi la fortuna di frequentare i suoi corsi e mi ricordo ancora la simpatia e la facilità con cui dimostrava tecniche di kinesiologia anche molto complesse.

Il suo inventore Frank Mahony purtroppo mori giovane (1932-1995) per dei problemi cardiaci.

Una volta, verso la fine del corso si presentò bendato e con un tutù in vita, si fece accompagnare vicino alla persona che stava distesa sul lettino ed a occhi chiusi  dimostro quelli che sono chiamati “i grandi 8” ossi i muscoli basilari per liberare tensioni al sistema cranio sacrale.

Frank inizio studiando la Tecnica Sacro Occipitale del dr. De Jarnette collaborò anche con il dr. Paul Dennison (Kinesiologia Educativa) e divenne istruttore del metodo Touch For Health.

Il principio base che contraddistingue la sua tecnica kinesiologica è che lavora sui muscoli che sono in ipertonia. Fondamentalmente la tecnica hyperton-x lavora su 3 aspetti del corpo:

- Dolore

- Debolezza

- Ridotta ampiezza del movimento articolare

Frank Mahony durante il biennio 1982/84 lavorò con molti ginnasti di atletica leggera per la preparazione delle olimpiadi del 1984 

Andrew Howe

di Los Angeles tra cui ricordiamo Rene Felton che nonostante il morbo di Crohns e 6 interventi subiti nel 1984 mancò di un soffio le qualificazioni alle olimpiadi (1/100 di secondo).

René continuò ad allenarsi ed a fare le sedute di hyperton-x con Frank e a vincere diverse medaglia d’oro ai campionati internazionali di atletica.

Renè  è madre ed è stata la tecnica e fisioterapista del campione italiano Andrew Howe, vice campione del mondo di salto in lungo e campione europeo.